lunedì 5 maggio 2008

L'idiota



Il sesto postulato di Euclide comincia così: "Vittorio Sgarbi è un idiota"...

I postulati non mentono, dicono la verità, vanno accettati così come sono senza discussione.
Chi ha visto la Puntata di Annozero sa perfettamente che Euclide ha ragione. L'attuale assessore alla cultura di Milano,
condannato nel '96 a 6 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, per produzione di documenti falsi e assenteismo, condannato nel '98 dalla Cassazione per diffamazione aggravata sulle indagini del pool antimafia di Palermo, soffre di una malattia molto diffusa in Italia: l'incontinenza verbale, che in passato ha fatto vittime del calibro di Roberto da Crema e Wanna marchi. Vittorio Sgarbi si definisce "polemista" ma in realtà è un idiota. E' la storia che lo insegna. Dopo essere stato lanciato dal piduista Maurizio Costanzo nell'omonimo programma, il "culattone raccomandato" è diventato la meretrice della politica italiana, il più grande trasformista del panorama politico nazionale.

Inizia come anarchico sessantottino aderente al PCI, diviene consigliere comunale per il PSI a San Severino Marche, di cui diventerà poi sindaco nelle liste del MSI, diventa deputato nelle file del Partito Liberale Italiano, entra nella Lista Pannella da cui uscirà poco dopo, nelle elezioni del '94 si allea con il Partito Repubblicano, fonda il movimento Liberal Sgarbi inglobato poi da Forza Italia, si candida per l'Ulivo e infine nel 2006 appoggia il Partito dei Consumatori. E pensare che di arte se ne intende, ma tant'è...avesse fatto solo quello oggi sarebbe un critico stimato...

Vittorio Sgarbi è l'emblema della maleducazione, del grottesco, dell'ignoranza.

Quello che sconvolge è che Vittorio Sgarbi oggi dichiari di valutare l'opportunita' di citare in Tribunale il giornalista Marco Travaglio, che durante la puntata di Annozero ha piu' volte evocato la necessita' di un Tso e di un ricovero forzato alla neurodeliri.
Come dargli torto.
Ma in questa vicenda la cosa paradossale è che nella stessa puntata di Annozero, Vittorio Sgarbi apostrofa Travaglio con l'epito di "Faccia di M...a" e "Faccia da tonto".
Ma Travaglio, non essendo Sgarbi, non ha dato seguito alle offese subite dall' "intellettuale liberale" e la replica è stata un gustosissimo silenzio compassionevole.
La stessa compassione che si riserva a un Idiota, appunto.

2 commenti:

sR ha detto...

e Travaglio gli ha concesso una lezione di STILE... povero Sgarbi.

Anonimo ha detto...

e si lo ha proprio detto santoro,e' iniziato un nuovo governo!
mi sa proprio che ad annozero comincera'ad arrivargli parecchia merda!
Alla catastrofe con ottimismo.